Scuola-Università e Tecnologie

Donatella Cesareni
nell’ambito di “Educazione, orientamento e inserimento al lavoro”


I trent’anni di vita del nostro Dipartimento hanno conciso con gli anni della prima introduzione e dello sviluppo delle tecnologie informatiche in campo educativo. Fin dai primi anni i ricercatori di questo Dipartimento hanno guardato a questo fenomeno da una prospettiva costruttivista, cercando di attivare collaborazioni con le scuole per sperimentare un uso attivo e collaborativo delle tecnologie. Le prime ricerche si sono volte ad evidenziare le potenzialità del computer al servizio di una didattica della lingua scritta ispirata alla pedagogia di Freinet (il giornalino scolastico, la creazione di presentazioni ipermediali) e all’educazione attiva (Dewey, Bruner, Olson): ricerche-azione che utilizzavano i nuovi media per introdurre innovazione nella scuola, per formare nuove comunità di discorso. Il dipartimento è stato chiamato negli anni ’90 a monitorare l’innovazione (progetto Multilab), prima dell’introduzione “massiva” delle tecnologie nella scuola, mettendo a punto protocolli di osservazione, prove atte a misurare non solo l’apprendimento, ma nuove competenze e abilità di tipo sia cognitivo sia relazionale. La diffusione della rete Internet ha poi permesso di sperimentare nella scuola la collaborazione a distanza, attraverso la partecipazione a progetti europei (Itcole e CLNet) volti a progettare e testare piattaforme per il lavoro collaborativo ispirate ai principi del socio costruttivismo e ai modelli della Comunità di apprendimento (Brown e Campione) e della Comunità che costruisce conoscenza (Bereiter e Scardamalia); piattaforme che bambini e ragazzi hanno utilizzato per comunicare e interagire con persone “lontane” non solo fisicamente (Progetti “Euroland”, una comunità virtuale di ragazzi europei, e “Via dal nido” che ha messo in collaborazione bambini ed anziani di un centro per anziani fragili). Negli ultimi anni la ricerca si è rivolta anche alla didattica universitaria, utilizzando la rete Internet per creare comunità di discorso e di costruzione di significati.


Download